Claudio Turri

immagini da un diario

A volte mi chiedo come dev’essere guardare l’alba vista da un’astronave. Ma da quale distanza poi ? In verità mi basterebbe poter rimanere lontano quel tanto che basta per distinguere la gente che si muove, sciamando da e verso le stazioni, gli aeroporti, gli snodi autostradali, le piazze, i centri commerciali, gli uffici, i caffè, i sottopassi, la metro, i parcheggi, le scale mobili, gli ascensori, gli angoli delle strade, gli attraversamenti pedonali. Rumore: solo un indistinto brusio sommesso, compresi le sirene, i treni in corsa, i jet appena decollati, i motorini urlanti, gli altoparlanti, le scarpe e i tacchi sui marmi e sull’asfalto, le voci accavallate, i discorsi di politica, le risate. A volte, anche se è pomeriggio, e per di più domenica.

3 pensieri su “Punto di vista

  1. christo74 ha detto:

    più ci si allontana e più tutto appare immobile e privo di vita (o di senso)

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...