Al mattino, una miniera si spalanca nella luce del cielo e se guardo su, l’aperto mi conduce verso una sponda di eccelse volute. C’è pace allora dentro questa carne. Bene si cuce ciò che si vede con la parte mancante. Le mie pagnotte si impastano di luce e mangeremo. Una nutrizione potente scuote risveglia le mie arcate.

Gualtieri Mariangela, Le giovani parole (Collezione di poesia Vol. 432)

2 pensieri su “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...